martedì 16 gennaio 2018

Momento Review: Codex - Tyranids


Per il recupero dei Codex arretrati, eccomi qui a parlare del Codex: Tyranids. Inizialmente pensavo di recensire prima la coppia Dark Angels - Blood Angels, ma poi ho pensato al collegamento più stretto che lega i Codex Tyranids e Blood Angels in questa edizione. In entrambi i Codex si parla di una questione ben precisa e per questo ho cambiato i miei piani optando per quella che state leggendo ora.

Come probabilmente saprete, le mie recensioni dei Codex non portano un giudizio da 1 a 10 come con i romanzi, ma valuto quanto mi abbia soddisfatto basandomi maggiormente sul BG e sulla caratterizzazione dell'armata. Parlo raramente di puri fattori competitivi perché non sono la persona adatta a farlo, anche se occasionalmente qualche discussione al riguardo (come nel Momento Review: Codex - Death Guard) la faccio. Per questo voglio subito dire che questo Codex mi ha soddisfatto.
Perché?
Partiamo dall'inizio.

L'introduzione è estremamente simile a quella del Codex di 6a, ma, al posto di una citazione finale dell'Inquisitore Czevak, troviamo un ulteriore paragrafo introduttivo per quanto sta succedendo ora che nella galassia si è aperta la Cicatrix Maledictum.
Quando passiamo alla narrazione del primo contatto con i Tiranidi e la morte del pianeta Tyran, invece, notiamo vere differenze con il Codex di 6a. Mentre quest'ultimo riassumeva la Morte di Tyran in una sola pagina, il Codex di 8a ritorna sui passi di quello di 5a, riportando quasi esattamente le parole al suo interno. Dunque, insieme al Codex di 5a, è il Codex che descrive maggiormente nei dettagli la Morte di Tyran. Subito dopo c'è il Codex di 2a, il quale forniva meno dettagli sulla battaglia e non riportava le ultima parole del Magos Varnak, ma descriveva brevemente le forme di vita oceaniche di Tyran e mostrava il nome della nave esploratrice che incontrò la nube di oggetti non identificati ai confini del sistema Tyran, ossia la Investigation.

La descrizione di un'invasione Tiranide è ottima, andando ad approfondire quella trovata nel regolamento di 5a edizione, la quale seguiva il criterio della sequenza delle forme Tiranidi schierate. Il Codex di 3a forniva informazioni estremamente interessanti sui cambiamenti climatici, atmosferici e simili di un mondo invaso, ma mancava una sequenza come quella mostrata in questo nuovo Codex.

CRONOLOGIA

Il manuale prosegue mostrandoci i classici eventi che portarono l'Imperium a conoscere le flotte alveare Behemoth, Kraken e Leviathan, ossia le Guerre Tiranidi. La narrazione riprende quella del Codex di 5a, ma c'è una gestione migliore della cronologia degli eventi, poiché non si tralasciano completamente le flotte principali per trattare solo eventi riguardanti quelle secondarie come Naga e Gorgon. Quest'ultime vengono trattate, ma le flotte principali non compaiono solo negli eventi famosi delle Guerre Tiranidi. Per questo motivo, il Codex di 8a dedica alcuni nuovi eventi interessanti accaduti durante gli anni delle Guerre Tiranidi.
Vediamone alcuni:
  • Il Cavaliere Freeblade conosciuto come Blackthorne caccia il Tiranno dell'Alveare che ha causato la caduta della sua Casata. Blackthorne trova il suo bersaglio e affonda nel suo torso la propria spada a catena, ma il Tiranno si rigenera e lancia un impulso psichico devastante che frigge i collegamenti del Trono Mechanicum di Blackthorne, uccidendolo.
  • La Legione Alfa attira una scheggia della Behemoth sul pianeta Ammunheim. Mentre l'Adeptus Mechanicus cerca di respingere il nemico, i Legionari Alfa rapiscono migliaia di Astropati in territori Imperiali non sorvegliati per fini sconosciuti.
  • Una scheggia della Behemoth si avvicina al bordo occidentale dell'Ultima Segmentum fino a raggiungere il Settore Nephilim, all'interno del quale incontra l'Ala del Corvo degli Angeli Oscuri. Le tattiche degli Space Marine risultano inefficaci contro i torreggianti bio-orrori schierati dai Tiranidi.
  • La stessa scheggia del Settore Nephilim prosegue raggiungendo il pianeta Rakkor IX, protetto dai Cavalieri Imperiali della Casata Raven. I Cavalieri si trovano davanti a una scheggia che adotta tattiche molto diverse dalla Behemoth affrontata in Ultramar, poiché ricorre immediatamente a nodi di organismi avanzati al posto di vasti sciami di organismi inferiori. In mezzo a questa schiera, sorge il Tirano dell'Alveare noto come Re Nephilim. Riconoscendo una sorta di riflesso oscuro della propria organizzazione, i Cavalieri danno a questa scheggia il nome di Corte del Re Nephilim. Rakkor IX viene perso e la Casata Raven giura vendetta.
  • Il mondo vergine Shau-Yor viene attaccato da un frammento della Behemoth e l'Arcamondo Biel-Tan risponde con i propri superpesanti. I Tiranidi schierano un Tyrannofex che gli Aeldari nominano Rovina di Shau-Yor, il cui colossale bio-cannone annienta veicoli nemici ad ogni colpo. I Biel-Tani sono costretti ad abbandonare Shau-Yor.
  • Il pianeta Phrixis e le sue preziose raffinerie di promezio grosse quanto città vengono attaccate da una grossa flotta scheggia. Il 33° e il 91° della Guardia di Ferro Mordiana vengono schierati per difendere questo punto strategico. I Mordiani resistono per mesi, rifiutandosi di cedere terreno ondata dopo ondata. Sfortunatamente, un bio-titano morente scarica il proprio bio-cannone direttamente verso una valvola di aspirazione del carburante, causando una cataclismica reazione a catena e obliterando il 91°. I sopravvissuti del 33° resistono fino all'esaurimento delle proprie munizioni.
  • Sul mondo frontiera minerario Kernov, il Sergente Dramus della Deathwatch uccide il terrore sotterraneo conosciuto come Dragone d'Ossidiana, terminando il decennale regno di terrore di questa Trigone Prime.
  • La Cabala del Teschio Scuoiato torna su Commorragh con dei Littori dormienti presi dai resti di una bio-nave della Kraken. Prima di poterli vendere, i Littori si risvegliano, uccidendo i propri rapitori e fuggendo nelle profondità di Commorragh.
  • Dalle ceneri della Kraken, la flotta scheggia Magalodon si diffonde come un tumore attraverso numerosi settori, dando vita a culti fanatici, assassinando governatori planetari e seminando discordia. La cintura mineraria di cristallo di Hyrdos XII viene distrutta e, nel giro di una settimana, i Littori della Magalodon uccidono tutti i vuoto-minatori nel complesso. Questo è un evento interessante perché amplia leggermente il background di una flotta precedentemente solo nominata nel paragrafo dei Codex dedicato alla definizione di flotta scheggia.
  • Un tentacolo isolato della Kraken attacca il mondo setta Dal'yth. I diplomatici della casata dell'acqua riescono a radunare i propri partner commerciali sotto forma di una flotta che riesce a respingere i Tiranidi con perdite minime.
POST-GATHERING STORM, PRE-BATTAGLIA DI BAAL
  • A causa dell'apertura della Grande Fenditura, molti tentacoli delle flotte alveare Tiranidi vengono portate nel Warp. La maggior parte viene persa, le restanti vengono vomitate fuori a migliaia di anni luce di distanza.
POST-GATHERING STORM, POST-BATTAGLIA DI BAAL 
  • La flotta alveare Leviathan scesa su Baal viene frammentata in mille schegge sparse per la galassia. Alcune centinaia di bio-navi arrivano nel cuore del Maelstrom e si scontrano con le flotte piratesche di Huron Cuorenero. Una schiera più grande emerge nel Sistema Velis, pericolosamente vicino al cuore del Segmentum Solar. Comunicazioni da Velis parlano di sciami Tiranidi coperti da bizzarre escrescenze fungine ed equipaggiati con bio-armi mai viste prima.
  • Un assalto della Leviathan raggiunge il bordo meridionale del Segmentum Solar e attacca Bloodfall, mondo capitolare dei Lupi Rossi. Grazie ai recenti rinforzi Primaris, i Lupi Rossi si dimostrano nemici difficili, ma i Tiranidi sfoderano bio-titani generati dalla brutale fornace della Guerra di Octarius e sazi di potente biomassa pelleverde. La fortezza capitolare viene devastata, le perdite sono orribili per i Lupi Rossi e quindi sono costretti a ritirarsi sulle proprie Navi da Battaglia rimanenti.
  • Con la Leviathan che si spinge sempre di più verso la Sacra Terra, Roboute Guilliman invia dozzine di nuovi Capitoli Primaris in prima linea nella Terza Guerra Tiranide.
FLOTTE ALVEARE

In mezzo a tutto questo, il Codex ci fornisce delle interessanti varianti di schema di colore per il carapace delle tre flotte alveare principali, come le diverse distribuzioni del giallo sul carapace della Behemoth o la pelle pallida delle Fauci di Vanthel della Kraken.
La Battaglia di Shadowbrink viene riassunta nella cronologia e nelle descrizioni delle flotte alveare, lasciando spazio ad una breve narrazione della Battaglia di Baal. Anche se esiste il romanzo The Devastation of Baal per tutta la vicenda narrata in modo completo, il Codex fornisce una buona narrazione manualistica, dandoci alcuni dettagli in più sulla battaglia con i Tiranidi e l'arrivo di Ka'Bandha con le proprie legioni alle spalle. Ciò riprende il vecchio evento di cronologia citato nel Codex: Angeli Sanguinari di 5a edizione e ci mostra un Ka'Bandha che non è intenzionato a lasciare che la propria preda venga distrutta dai Tiranidi piuttosto che da lui.
Lo scontro diventa quindi un 3 contro 3 durante il quale i Cavalieri del Sangue effettuano il proprio nobile sacrificio. Dante riesce a sconfiggere il Signore dello Sciame e la battaglia sembra estendersi per anni. Ciò che pare una metafora è in realtà totalmente plausibile, poiché la Noctis Aeterna, ossia la fase immediatamente successiva all'apertura della Cicatrix Maledictum, ha causato una distorsione temporale in moltissimi punti della galassia. Ciò può quindi aver fatto passare tutto il tempo necessario all'arrivo della Crociata Indomitus. Con l'aiuto delle forze della Crociata, di cui, ovviamente, solo una minima parte era composta da Ultramarine, i Tiranidi vengono respinti. Ciononostante, le due importantissime lune di Baal sono ormai prive di vita e Baal stesso non sta molto meglio.

Proseguendo, il Codex ci mostra una bellissima sezione dedicata a svariate flotte secondarie con tanto di artwork che ci mostrano i loro schemi di colore e alcuni approfondimenti di background. La stessa cosa che ho apprezzato moltissimo nel Codex: Adeptus Mechanicus.
Per la Jormungandr non ci viene raccontata la Battaglia della Nebula Nera del 995.M41 come nel Codex di 5a, ma ci vengono comunque fornite informazioni riguardo alle loro tattiche di guerra, inoltre sono presenti alcuni eventi precedenti alla sopracitata Battaglia della Nebula Nera, come le invasioni di Sarposia e Gedros II. Alla fine, in un evento piazzato molti anni dopo il 995.M41, viene anche riportato l'avvistamento di vascelli organici incassati all'interno di comete. Plausibile, considerate le tattiche della Jormungandr che comprendono il lancio di meteoriti dall'orbita.

La flotta alveare Hydra, inizialmente apparsa in 5a edizione, è stata nominata nuovamente nel regolamento di 8a, riportando i suoi atteggiamenti cannibali. All'interno di questo Codex ci viene spiegato il motivo, infatti, l'Hydra attacca schegge sconfitte per assimilare la loro memoria genetica. Ci viene spiegato anche il suo modus operandi e ulteriormente descritto il loro processo di cannibalismo che potrebbe essere il motivo per cui è capace di rigenerarsi così in fretta. Il Magos Xenologis Echros Van-Zedrech teorizza che questo ciclo autofagico possa essere il segnale del prossimo stadio dell'invasione Tiranide. Infine, alcuni rapporti di battaglie come il sacrificio di una forza d'attacco di Furie Bianche grazie al quale il pianeta Haadekh riesce ad effettuare tutte le evacuazioni prima che l'Hydra giunga.

La flotta alveare Gorgon, invece, appare nel Codex: Tiranidi di 5a edizione e poi viene nominata nei Codex: Impero Tau fino a ritornare in questo Codex. Nominata nel materiale riguardante i Tau proprio perché nel Codex: Tiranidi di 5a veniva descritto il conflitto avvenuto tra queste due fazioni. Anche qui vediamo una breve descrizione di quegli scontri, ma poi troviamo anche una descrizione delle loro tattiche di guerra che fanno particolare affidamento su spore e agenti tossici, oltre ad un interessante evento in cui la Gorgon si scontra con i Marine della Peste che abitavano il relitto della peste Vomnivorax. Sebbene i Marine della Peste siano inizialmente immuni alle tossine Tiranidi, l'intervento dei Toxicrene riesce a sciogliere le loro carni.

La flotta alveare Kronos non costituisce alcun grande ritorno, è totalmente nuova e possiede le sue particolarità. Dopo l'apertura della Grande Fenditura, i Tiranidi si sono resi conto di dover affrontare ancora più spesso un nemico che impediva loro di consumare qualsiasi forma di biomassa. Per questo motivo, alcuni tentacoli della Leviathan pre-digeriscono mondi da lasciare poi in balia della Kronos, la quale li consuma appena arrivata. La Flotta Alveare Kronos cerca di combattere efficacemente il Caos affrontandolo a grande distanza, tentando di evitare il combattimento ravvicinato, inoltre punta ad affrontare adoratori del Caos mortali, come cultisti o bestie mutanti, i quali possono ancora fornire biomassa utile. Ciò non costituisce una vera e propria arma contro il Caos, ma cerca di aggirare il problema efficacemente.
Tra gli eventi citati, troviamo un ritorno su Shadowbrink. Come descritto ampiamente nel Codex di 5a, lì i Tiranidi riuscirono a respingere un'invasione demoniaca. Ora, con l'apertura della Cicatrix, Shadowbrink diventa ancora più ripieno di energie malevole e vediamo come la Kronos affronta i Demoni del Caos evitando di rispondere alle cariche delle legioni khornite e puntando sul fuoco d'artiglieria.

Arriviamo poi alla Tiamet, flotta alveare che molti hanno pensato fosse nuova, ma che, in realtà, era stata introdotta nel Codex di 4a edizione tra le flotte dimenticate, ossia quelle forme di vita tiranide incontrate millenni prima rispetto agli eventi di Tyran e arrivate con largo anticipo nella nostra galassia per ragioni sconosciute all'Imperium. Nella Codex di 4a ci veniva detto che, nel M35, una flotta Explorator proveniente da Triplex Phall assegnò a un sistema binario il nome Tiamet. Esplorandolo, si trovarono in un sistema con almeno sette grandi pianeti ospitali e svariati asteroidi minori. Tuttavia, tali pianeti ospitavano forme di vita dall'origine comune che li rendevano tutti catalogabili come mondi assassini. Sembrava che tutte queste forme di vita cercassero di rivoltarsi contro l'Uomo per difendersi da una presunta intrusione. Gli Explorator misero la propria spedizione in quarantena perché ritenuta contaminata e, prima di morire, bombardarono il sistema, pur non riuscendo a sradicare completamente la vita. Successivamente, si ritenne che qualche genere di seme Tiranide avesse portato all'evoluzione di una rudimentale Mente Alveare e un ecosistema predatore, oltre ad ipotizzare che i Genoraptor di Ymgarl arrivassero originariamente da Tiamet. Infine, ci veniva anche detto che l'Imperium non sapesse che cose ne fosse stato del sistema, poiché facente parte del area d'azione della Kraken.
In questo Codex, scopriamo che il sistema rimase indisturbato per svariati millenni dopo il M35, finché degli Esploratori di Iyanden non si avvicinarono ad uno dei suoi pianeti, conosciuto come Ziaphoria. A causa delle potenti aure nullificanti, gli Eldar morirono, ma videro una grande struttura conica fatta di chitina e soffice materia encefalica. La difesa di un territorio è molto insolita per dei Tiranidi, ma ora l'Ordo Xenos pensa che il sistema fornisca una sorta di faro per l'arrivo di altre flotte alveare. Negli ultimi tempi si vedono pure più spesso tentacoli della Tiamet, i quali raccolgono nuova biomassa per il completamento della propria creazione.
Ho apprezzato molto come gli autori abbiano deciso di spiegare il comportamento insolito della fauna Tiranide di questi pianeti ampliando ulteriormente il background della Tiamet fino ad arrivare persino ad una missione della Deathwatch finita male che porta al grande ritorno dell'inquisitore Kryptman. Per ora non ha ancora fatto nulla di nuovo, ma il suo ritorno sul campo potrebbe sfociare in sviluppi di background molto belli.

Infine giungiamo alla Ouroboris, l'ultima flotta alveare approfondita in questo Codex. Come la Tiamet, la loro storia risale alle flotte dimenticate di 4a, ma non ci veniva nominato un suo ritorno nei tempi presenti. Qui, invece, assistiamo all'arrivo della Ouroboris nella galassia insieme ad una perfetta ripresa e poi aggiornamento della storia narrata nel Codex di 4a.
In 4a avevamo il rapporto di Miriamulus l'Anziano, Cardinale di Thracian Primaris nel M36 e ci veniva narrato di "entità alate accese da una febbre infernale", un Titano Dux Bellorum con tipiche escoriazioni da bio-plasma e altri fattori che portarono gli Imperiali a pensare che la Ouroboris fosse, in realtà, la prima vera e propria flotta alveare Tiranide incontrata dall'Imperium. In questo Codex ci viene spiegata la strategia di guerra della Ouroboris che fa particolare affidamento su forme di vita Tiranidi dotate di ali, una peculiarità che ha quindi fatto pensare all'Imperium che quella attuale fosse la stessa Ouroboris.
Ci viene raccontato brevemente anche uno scontro con il Capitolo Primaris dei Silver Drakes che finisce con una decimazione degli Space Marine.

DESCRIZIONI DELLE UNITÀ

Molte delle descrizioni delle unità, sono molto simili alle solite, ma in questo Codex è stato dato lo spazio necessario ad approfondire le unità che furono introdotte con il Codex di 6a, tipo la Megera, o con i modelli arrivati ancora dopo, come il Maleceptor.
Per la Megera troviamo una strategia che punta a penetrare direttamente lo scafo dei velivoli nemici infilzandone i piloti. Viene riportata l'esistenza di una Megera nominata Ala di Sangue e la decisione da parte di certe accademie dell'Aeronautica Imperialis di effettuare addestramenti specifici per affrontare le Megere. Purtroppo per loro, senza grande successo.
Il Maleceptor viene descritto meglio in quanto creatura sinaptica con grandi masse neurali che costituiscono un'evoluzione atta a contrastare specie particolarmente dotate psionicamente. Viene anche nominato il Visir, un Maleceptor della Corte del Re Nephilim che affrontò la Casata Raven.
Per il Toxicrene, scopriamo un loro utilizzo massiccio da parte della flotta alveare Gorgon.
Il Carnifex, seppure decisamente non nuovo, ha ricevuto un piacevole ritorno al passato che mostra in gioco due specie ben precise. Lo Screamer Killer, nome con cui era conosciuto il modello del Carnifex prima di ricevere quello con cui è più conosciuto, e il Thornback, un ariete da guerra che carica a testa bassa. Entrambe queste specie non sono nuove, poiché la variante "comune" del Carnifex era comunque catalogata scientificamente come Screamer Killer, mentre il Thornback era inizialmente un nome dato dalla Guardia Imperiale ai Tiranidi dotati di carapaci con grosse lame, poi un nome dato anche al Carnifex Vorantii descritto in Mark of the Xenos, un manuale per il GDR Deathwatch.

CARATTERIZZAZIONE REGOLISTICA DELLE FLOTTE

ADATTAMENTI DELLE FLOTTE ALVEARE

Gli adattamenti forniscono una bella base per armate a tema, con la Kronos che riceve giustamente dei bonus al tiro o la Gorgon che ferisce meglio in combattimento grazie alle proprie tossine. Una cosa che secondo me manca, però, è un adattamento (e successive altre regole) per la Tiamet, le cui particolarità avrebbero permesso di creare qualcosa di molto bello da giocare con armate Tiranidi basate su tattiche difensive.

STRATAGEMMI

Qui troviamo Stratagemmi che completano molto bene le regole fornite dagli adattamenti. Particolarmente evocativo quello della Gorgon, il quale è riservato ai Tiranidi che possiedono sacche di tossine.

BIO-ARTEFATTI

In questo Codex troviamo tutti i bio-artefatti reperibili nel Codex di 6a edizione, ma con alcune variazioni. Se già il Comportamento Istintivo e la Sinapsi sono complessivamente più forti rispetto alla 6a grazie ad una gittata di Comportamento Istintivo che permette di avere malus molto più raramente, la Corona Norna rende le cose ancora più facili grazie all'aumento di altri 6" alla "zona sicura" del Comportamento Istintivo. Il Cannone Miasma perde la doppia modalità di fuoco, ma quella nuova prende praticamente le caratteristiche migliori di entrambi e le combina. Le Chele di Thyrax ottengono più restrizioni, ma diventano decisamente più forti contro qualsiasi armata che schieri unità provenienti da Codex differenti, mentre il Mietitore di Obliterax è un altro artefatto che riceve una restrizione, ma che, con un risultato di 6+ infligge automaticamente danno doppio. Per quanto riguarda il Fattore Ymgarl, l'ultimo bio-artefatto già esistente in 6a, otteniamo la possibilità di avere lo stesso potenziamento per più turni consecutivi, ma in cambio di un risultato casuale e non più scelto dal giocatore. Un malus che non viene affatto ripagato dal bonus dato.

Passiamo dunque ai bio-artefatti nuovi.
Molto bella la scelta di basare il bio-artefatto della Behemoth sugli eventi di Tyran, ma, sebbene si basi su una penetrazione dell'armatura leggermente superiore, il Mietitore infligge inevitabilmente e automaticamente più danni al 6+ al posto di darti solo l'occasione di farlo.
L'effetto camaleontico del bio-artefatto Mutazione Camaleontica per la Kraken, invece, completa degnamente i bonus per l'avvicinamento al nemico con un piccolo bonus contro il tiro nemico, permettendo a modelli importanti di avvicinarsi più facilmente al corpo a corpo senza essere immediatamente abbattuti dal tiro. Forse, però, anche un giocatore Kraken che punta a caricare velocemente potrebbe optare per i bonus ai danni dati dal Mietitore di Obliterax.
Le Sciabole della Leviathan costituiscono un bellissimo modo di sfoltire le fanterie multiferita.
La Biologia Iper-Adattiva della Gorgon mette ancora più in fondo alla classifica il Fattore Ymgarl, se consideriamo che un qualsiasi giocatore di questa flotta alveare può decidere di dare permanentemente a un modello il terzo risultato della tabella Ymgarl appena questo subisce una ferita.
L'Infestazione dell'Hydra, invece, potenzia gli sputamorte con un buon getto di colpi antifanteria.
Il Cannone della Kronos è la rappresentazione perfetta della flotta alveare che cerca di contrastare i Demoni del Caos, grazie alla possibilità di ignorare qualsiasi tiro invulnerabilità.
Infine, il Ruggito Infrasonico della Jormungandr fornisce un buon bonus se combinato con l'utilizzo del potere psionico Urlo Psichico.

TRATTI DEL GENERALE


I Tratti del Generale spaziano da cose classiche come il +6" alla gittata della Sinapsi a cose nuove come il Tratto della Behemoth che fa da leggero cuscinetto a ciò che probabilmente potrebbe portare un giocatore a scegliere il Mietitore di Obliterax al posto delle Falci di Tyran. Complessivamente si vedono dei bei Tratti a tema, in particolare quello anti-psionico della Kronos.

ARTWORK

Continuo ad adorare la resa degli artwork dedicati agli schemi di colore, sono veramente belli. Nel resto della pubblicazione, invece, non troviamo tanti artwork nuovi, ma mi è piaciuto quello dedicato al Maleceptor, il quale non ne possedeva ancora uno.


CONCLUSIONE

Siamo giunti al termine e, come avete visto, trovo che questo Codex fornisca degli interessantissimi nuovi approfondimenti di background e permetta ai giocatori di creare delle belle armate a tema che rispecchiano adeguatamente le tattiche di guerra della propria flotta alveare.
Ora posso chiudere tutti i vecchi Codex che ho usato per questa recensione e passare a quella del nuovo Battletome: Maggotkin of Nurgle. Vediamo se anche quello mi soddisferà allo stesso punto.

--------------------
Se ti è piaciuto questo articolo, puoi valutare l'idea di sostenermi tramite una piccola donazione singola su Ko-Fi (Offrimi un Caffè) oppure tramite un abbonamento da un dollaro o più su Patreon che ti permetterà di leggere in anteprima gli articoli delle rubriche Momento. Questo mi può aiutare a sostenere le spese per il materiale usato per scrivere le varie rubriche dell'Astropate e a creare nuovi progetti interessanti.
Grazie mille a tutti i miei sostenitori.

giovedì 11 gennaio 2018

Malign Portents: informazioni da Warhammer Live e analisi del nuovo video



Ieri si è tenuta una diretta su Warhammer Live dedicata a Malign Portents. Phil Kelly ha parlato dell'evento e ha rilasciato alcune informazioni interessanti, vediamo quali.

  • Gli avanzamenti di background avverranno durante l'anno.
  • Vandus Hammerhand avrà un ruolo importante in Malign Portents.
  • Sembra che Mannfred von Cartsein stia cercando di ricreare la Sylvania.
  • I Reami dell'Ombra e della Luce non avranno un ruolo importante in Malign Portents.
  • I Reami dell'Ombra e della Luce hanno un ciclo giorno/notte diverso rispetto al resto dei Reami.
  • Il Lord-Relictor riceverà un nuovo modello o verrà rilasciato separatamente rispetto alla scatola base.
  • Molto presto saranno rivelate nuove fazioni e Phil dice che potremmo trovare degli indizi nella mappa di Shyish visibile sul sito di Malign Portents.
  • Quando la campagna mondiale di Malign Portents terminerà (fine estate), un altro capitolo inizierà.
  • Gli Araldi hanno dei Punti Profezia, i quali possono essere spesi per lanciare benedizioni o maledizioni (una tempesta di teschi, ad esempio).
  • Per quanto riguarda gli elfi, Phil Kelly ha risposto solo con: "No comments."

Personalmente, posso commentare con:

  • Che i Reami dell'Ombra e della Luce non abbiano un ruolo importante non vuol dire che qualcosa non arrivi da essi. D'altronde da Azyr sono arrivati gli Stormcast, eppure Azyr stesso non è stato teatro di chissà quale evento durante The Realmgate Wars.
  • Finalmente sappiamo qualcosa sul Lord-Relictor, l'unico kit del set base che ancora necessita un kit separato.
  • Dalla mappa di Shyish ricaviamo realmente spunti interessanti che potrebbero corrispondere a nuovi modelli. Si parla di scheletri di colossi e e grandi bestie elefantine nel Cimitero Eterno, vampiri cadaverici e raggrinziti nelle terre di Necros, i porti di Morthaven, spiriti di antichi campioni nelle terre di Hallost e spiriti assassini a Poggio dell'Assassino. Chissà cosa ci verrà mostrato.
  • Il "No comments" sugli elfi non fa altro che confermare ulteriormente i recenti rumors.
  • Non sappiamo ancora se la meccanica dei Punti Profezia rientrerà nel primo libro di Malign Portents, annunciato poco tempo fa, o se sarà già possibile utilizzarla con l'arrivo degli Araldi, la cui uscita è prevista per febbraio.

Il primo mese dell'Adunata è gennaio, di conseguenza gli Araldi usciranno il prossimo mese.

Oggi, invece, è uscito un altro episodio della serie di video dedicati a Malign Portents. Vediamo Elias osservare scontri tra nonmorti e Stormcast, ma improvvisamente una voce femminile lo scopre, lo chiama piccola spia e gli intima di correre e pregare che i suoi figli e/o figlie (d'altronde in inglese è children, il sesso esatto non è noto) non lo prendano vivo.
A chi appartiene questa voce?
Per ora le tre teorie che si stanno diffondendo maggiormente parlano di Neferata, Slaanesh o Morathi. Tutte e tre personaggi plausibili, forse ne sapremo di più nei prossimi giorni, con qualche annuncio o un eventuale prossimo video.

lunedì 8 gennaio 2018

Warhammer 40.000 e Age of Sigmar: uscite fino a maggio!


Questo è sicuramente un articolo che interesserà a molti.
Il 27 novembre 2017, sul forum Advanced Tau Tactica, l'utente Haechi postò le informazioni in suo possesso riguardo alle uscite dei primi mesi del 2018, ma per un po' non è stato possibile verificare se si trattasse di una fonte affidabile.


Secondo le informazioni di Haechi, all'inizio di gennaio avremmo visto i Demoni del Caos per Warhammer 40.000 e Age of Sigmar, mentre alla fine dello stesso mese avremmo visto i Custodes. Si tratta esattamente di ciò che abbiamo visto e vedremo durante questo mese. Questa informazione è arrivata quindi con largo anticipo ed è stata persino accurata nel piazzare Demoni e Custodes nelle due parti di gennaio.

Ha quindi senso illustrare quali altre uscite vengano previste da Haechi, insieme ad alcune nuove informazioni postate dopo aver ricevuto la conferma su Demoni e Custodes.



Prima metà di febbraio: Adeptus Custodes.

Seconda metà di febbraio: Thousand Sons.

Prima metà di marzo: Impero T'au.

Seconda metà di marzo: Necron.

Tra aprile e maggio: Drukhari, Arlecchini e due nuove armate di elfi per Age of Sigmar.

Questo potrebbe confermare anche ciò che ho teorizzato nel recente messaggio vocale sul Canale Telegram dell'Astropate, ossia che il Battletome: Legions of Nagash non sarà accompagnato da nuovi modelli, ma servirà a mettere la Morte al passo con le regole delle altre Grandi Alleanze mentre i nuovi modelli arriveranno dopo. Presumibilmente fine maggio o giugno.

Tutto ciò rientra ancora nei rumors, ma la fonte si è dimostrata estremamente accurata nei confronti delle uscite di gennaio, quindi potremmo fidarci.

sabato 6 gennaio 2018

Omegon potrebbe essere vivo? Analisi dell'introduzione di Sons of the Hydra


Chi mi segue sa che, se gli articoli clickbait avessero una forma fisica, li prenderei a schiaffi da quando mi sveglio a quando mi addormento dalla fatica che ho accumulato schiaffeggiandoli per ore. Per questo voglio mettere le mani avanti:
No, non ci sono conferme sull'attuale status di Omegon, ma c'è un dettaglio molto interessante da considerare.

Per anni, nessuno è stato sicuro del fatto che Omegon esistesse veramente. Nel marzo del 2008, il romanzo Legion, scritto da Dan Abnett, ci diede questa sicurezza, ma rimaneva ancora un dubbio: dopo l'Eresia, Guilliman affrontò Alpharius nella Battaglia di Eskrador e lo uccise, ma era veramente Alpharius? Era forse Omegon? Era un ufficiale della Legione Alfa che aveva sostituito un primarca?

Questa domanda rimane ancora senza risposta, ma nell'agosto del 2016 uscì il romanzo Praetorian of Dorn, alla fine del quale avvenne un duello tra Dorn e il vero Alpharius. Quest'ultimo morì per mano di Dorn e Omegon percepì la morte del gemello ad anni luce di distanza.
Fu così che Omegon, quando Horus aprì una comunicazione con la sua Legione, assunse l'identità di Alpharius.
Con Alpharius fuori da giochi, su Eskrador poteva essere morto solo Omegon o un ufficiale che lo aveva sostituito, ma come sapere quale delle due opzioni fosse quella corretta.

Lo scorso mese, però, è uscito il romanzo Sons of the Hydra, scritto da Rob Sanders. Nell'introduzione troviamo questo:
––––––– –––––––––– –––––––––– –––––––––––––––– –––––––
 Avete mai osservato un serpente attraversare le sabbie roventi? Osservarne uno strisciare sotto la superficie del mare? Sono creature dalla bellezza letale. Si muovono con fiduciosa economia, cautela e grazia
 –––––––– –––––––––– –––––––––– –––––––––––––––– ––––––– –––––––– –––– ––––––– ––––– –––––––––––– ––––––––––– ––––––––––––––– –––––– –––––––––––––––– ––– ––––––––––– –– ––– – ––––––––– ––– ––––––– –––––––––– –––––– ––––––––– ––– – –– – ––––––––– –––––––––––
 Dei nostri modi, posso solo dire questo. Siamo il serpente che scivola e si avvolge, apparendo diretto verso questa direzione e poi quella, mentre il nostro movimento ci porta sempre avanti. Mentre i nostri fratelli sono caduti insieme nella stagnazione e nella dannazione, noi abbiamo mantenuto la nostra identità e il nostro obiettivo. ––––––––––– ––––––––––––––– –––––– –––––––––––––––– ––– ––––––––––– –– ––– – ––––––––– ––– ––––––– –––– Gli estranei si sforzano di comprendere le nostre motivazioni. Per i principi primordiali siamo alleati incerti. Non siamo mossi dalle bugie viventi degli xenos. Per il malato Imperium, con la sua miriade di afflizioni, siamo sia veleno che antidoto.
 Noi sopportiamo loro, come loro sopportano noi –––––––– –––––––––– –––––––––– –––––––––––––––– È il modo di fare della nostra Legione. Il modo in cui lo abbiamo fatto. Il modo in cui deve essere. Poiché siamo il più necessario dei mali e i destini che creiamo per gli altri, come i nostri, non possono essere rifiutati.
–––––––––––––––– ––– ––––––––––– –– ––– – ––––––––– ––– ––––––––––– –––––––––– ––––– –––––––––––
 – attribuito ad Alpharius Omegon, Primarca della XX Legione,   a ––––––––––––––– (circa. 9–––123.M––)
Ora, mettiamo ulteriormente le mani avanti dicendo: c'è scritto attribuito a. Potrebbe tranquillamente non essere lui.
Ma, nel caso fosse proprio Omegon, c'è un interessante indizio per cui bisogna fare delle premesse.

  • I primarchi vennero creati intorno al 792.M30 e la Grande Crociata iniziò nel 798.M30.
  • Per la Battaglia di Eskrador non è disponibile una data esatta, ma avvenne poco dopo l'Eresia.
  • Nel 121.M31, invece, la Battaglia di Thessala, durante la quale Fulgrim ferì a morte Guilliman.
Qui abbiamo un anno di non si sa quale millennio: 123.M––.
L'ipotetico Omegon non può aver pronunciato questa frase nel 123.M30 o millenni precedenti, poiché l'Imperatore non avevano ancora creato i primarchi.
La Battaglia di Eskrador è necessariamente avvenuta prima del 121.M31 e l'ipotetico Omegon potrebbe aver pronunciato questa frase nel 123.M31 solo nel caso fosse stato ancora vivo.

Quindi, Omegon è ancora vivo?

Non lo sappiamo, ma ora abbiamo un indizio che potrebbe far protendere la risposta verso un .

Adeptus Custodes: rivelati Codex e nuovi modelli


Ieri sera Games Workshop ha mostrato un teaser sulla pagina ufficiale di Warhammer 40.000, parlando di un grande annuncio che sarebbe arrivato oggi. Il teaser riportava le frasi:

They have watched.
They have waited.
They are coming.
Tomorrow.

Col senno di poi, il teaser sembra quasi palese. Oggi si sta tenendo il New Year's Open Day a Warhammer World e Games Workshop ha annunciato l'uscita del Codex: Adeptus Custodes insieme a svariati nuovi modelli. D'altronde i Custodes sono conosciuti come Watchers of the Throne e hanno atteso per tutto questo tempo.

Di per sé non lo trovo un enorme annuncio come sembrava, ma è comunque una news interessante che ci porta i seguenti kit (Foto provenienti da Battle Bunnies).


Un nuovo personaggio che potrebbe essere un QG. Magari un Tribuno?


Nuove Moto a Reazione dei Custodes. Molti si sono chiesti se, in un tempo in cui Cawl e i suoi sostenitori sono riusciti a creare qualcosa di nuovo con la tecnologia a-grav, i Custodes sarebbero tornati ad utilizzare le proprie Moto a Reazione. Non necessariamente nuove, anche solo quelle già utilizzate ai tempi della Grande Crociata.
Oggi ci viene data una risposta e vediamo questo nuovo kit in cui i Custodes possono montare delle lance.




Gli Allarus Custodians sono i nuovi Terminator dell'Adeptus Custodes. Qui li vediamo con asce e vedremo se potranno montare anche le firepike che vediamo nel kit in resina.


In due immagini spuntate su Internet questa notte (fonte a me sconosciuta), vediamo anche questi Terminator con assemblaggi differenti.



Infine vediamo una nuova unità di Custodes con la classica armatura di auramite. Anche qui notiamo la possibilità di montare asce, ma c'è pure un modello con la propria Misericordia in mano. Questa volta si ricorderanno di dare loro delle regole?


Il New Year's Open Day è appena cominciato e vedremo se Games Workshop rilascerà altre informazioni su progetti attualmente in corso o se ne annuncerà altri.

giovedì 4 gennaio 2018

Malign Portents: la cosmologia dei Reami Mortali


Il countdown è finalmente terminato e Games Workshop ha rivelato le prime novità di Malign Portents, le quali aumenteranno con le prossime novità che annunceranno. Il sito di Malign Portents è stato aggiornato con le prime nozioni di background riguardanti i quattro araldi di cui seguiremo la storia, ma, inaspettatamente, ecco arrivare anche una spiegazione sulla cosmologia dei Reami Mortali e la prima mappa geografica di Shyish.


Di questa mappa potete già vedere alcuni dettagli osservando la sezione Reami del sito di Malign Portents. Ad esempio, ora possiamo vedere le esatte posizioni di luoghi come Shadespire, Gothizzar e il Deserto d'Ossa.
Ma parliamo della cosmologia. La fine del mondo-che-fu è stata come un big bang dal quale poi, tramite la condensazione di grandi masse di materia e di energie magiche, si formarono i Reami Mortali. In mezzo ad un grande vuoto fatto di magia non allineata, risiedono le Realmspheres, potenzialmente traducibili con Reamesfere, Reamisfere o Sfere dei Reami.


Ecco quindi la prima immagine del sistema dei Reami. Phil Kelly ci conferma il fatto che i Reami non siano infiniti, mentre nel racconto breve Pantheon abbiamo un'altra conferma, ossia che i Reami non siano statici. Non sono infiniti, ma le loro dimensioni non sono necessariamente identiche nel tempo. Probabilmente è anche questo il motivo per cui Elias, nell'episodio The Coward di Malign Mortents, dice che il Reame della Morte ci inghiottirà tutti. Forse Shyish si espanderà.

Successivamente, Phil Kelly passa alla spiegazione di un singolo Reame. Pur non essendo infiniti, ci vuole circa una vita per arrivare all'estremo di uno di essi partendo dal centro. Proprio questa parte centrale è l'area più abitabile, dove le popolazioni creano città. Le parti più esterne sono meno abitabili, ma nel corso delle pubblicazioni abbiamo già visto come succedano comunque svariati eventi in queste zone.


Ci viene anche spiegato il ciclo giorno/notte. I Reami della Luce e dell'Ombra sono sempre stati descritti come Reami gemelli e infatti ruotano intorno a un'asse come le stelle di un sistema binario. Questa rotazione garantisce fonte luce e ombra ai Reami, creando il giorno e la notte. Tutto questo spiega anche perché, ad esempio, nel romanzo Hammerhal, Sigmar si trova su Ghyran e vede Azyr in lontananza. Le stelle del cielo notturno sono a tutti gli effetti Azyr, ma non ne avevamo ancora la conferma perché non sapevamo come fossero organizzati i Reami.


Infine, Phil Kelly ci parla degli Allpoints, attualmente conosciuti come Eightpoints. Chiunque abbia letto un po' di background di AoS o abbia direttamente letto le campagne narrative di The Realmgate Wars (in particolare All-Gates) saprà già di cosa stiamo parlando, ma è bene spiegarlo per chi è nuovo.
Tutti i Reami sono collegati dai Realmgate, la cui natura non è necessariamente quello di un cancello. A volte non è neanche qualcosa che un occhio mortale può interpretare.
Oltre ai normali Realmgate che collegano un Reame a un altro, ne esistono otto che collegano un Reame a un sotto-Reame centrale, conosciuto come Allpoints. Dopo che Archaon conquistò questa zona (che controlla ancora adesso), la rinominò Eightpoints.


Personalmente sono felice che Games Workshop abbia finalmente spiegato questa parte del background di Age of Sigmar.

"Malign Portents: Episodio 4 - The Coward" l'analisi



Siamo giunti al quarto e probabilmente ultimo episodio di Malign Portents, finalmente vediamo qualche dettaglio su cosa sta realmente succedendo nel Reame della Morte.
Elias ci mostra un Knight of Shrouds che dirige fila di scheletri che reggono frammenti di reamepietra di Shyish vetrificata.


Ma poi questo Knight of Shrouds ci viene descritto come un'anima che Sigmar non riuscì a riportare su Azyr. Stanno forse parlando di Tarsus Bull-Heart degli Hallowed Knights, il quale si sacrificò affinché le anime dei suoi compagni potessero tornare nel Reame dei Cieli? O forse di Makvar degli Anvils of the Heldenhammer, la cui anima proviene da Shyish?
Il Knight of Shrouds ha apparentemente un forte legame con questi nonmorti, magari è proprio Makvar e questo è ciò che ora succede alle anime degli Stormcast che Nagash riesce a trattenere.


Il cavaliere dirige le fila verso il grande lavoro che si sta svolgendo su Shyish ed Elias è troppo curioso, deve vedere la verità, perciò ci viene finalmente mostrata una delle piramidi di reamepietra capovolte.


Ed Elias fugge, tornando con lo spirito all'interno del suo corpo. Ha visto portenti maligni, presto il Reame della Morte ci inghiottirà tutti.
Vedremo cosa ci aspetterà adesso, dopo il coundown.

mercoledì 3 gennaio 2018

"Malign Portents: Episodio 3 - The Visionary", l'analisi


Mancano meno di 24 ore al termine del countdown presente sul sito di Malign Portents e oggi è uscito il terzo video al riguardo. Questa volta Elias, dopo aver osservato i portenti trovati dall'Ordine e dal Caos, lascia che il suo spirito conosca il punto di vista della Distruzione. L'araldo di questa Grande Alleanza, un Fungoid Cave-Shaman, è un grot che, mangiando particolari funghi magici, ha ricevuto mutazioni e visioni.


Tra queste visioni, lo sciamano cerca la Waaagh! "alla fine dei giorni". Tutto punta verso il Reame della Morte e quindi, in un'altra immagine, lo ritroviamo ad osservare una massa di pelleverde che si dirige verso un Realmgate che apparentemente porta a Shyish.


Non ci sono particolari nascosti in questo episodio, ma anche qui iniziamo a vedere le armate delle Grandi Alleanze muoversi verso il teatro di guerra. Domani tocca al video dedicato alla Morte, ma, essendo il giorno in cui il countdown terminerà, chissà se scopriremo anche qualcos'altro di nuovo.